Comunicati stampa

Banca Generali: pubblicazione del progetto di fusione per incorporazione di Nextam Partners S.p.A. e Nextam Partners SGR S.p.A. in Banca Generali S.p.A.

Milano, 5 maggio 2020 – Banca Generali S.p.A. (la “Società”) rende noto che, in relazione al processo di integrazione e riorganizzazione delle società Nextam Partners S.p.A. e Nextam Partners SGR S.p.A. che, come preannunciato dalla Società con comunicato del 28 febbraio 2020, prevede inter alia la fusione per incorporazione delle predette società in Banca Generali S.p.A., è stato rilasciato provvedimento autorizzativo dalla competente Autorità di Vigilanza.

Al riguardo, si rammenta che il predetto processo prevede, altresì, che per effetto della fusione la Società assumerà in via diretta la partecipazione pari al 19,5% del capitale di 8a+ Investimenti SGR S.p.A. (che sarà nel frattempo acquisita transitoriamente da Nextam Partners SGR S.p.A. a fronte del conferimento del ramo d’azienda relativo allo svolgimento dell’attività riservata di gestione degli OICR italiani).

Tanto premesso, si conferma, quindi, che le società interessate alla fusione (e più in generale al progetto di riorganizzazione) proseguiranno l’iter procedurale civilistico per il compimento del predetto processo nel rispetto dei termini e delle modalità di legge.

Conseguentemente, in data odierna, è stato pubblicato e messo a disposizione sul sito internet della Società (www.bancagenerali.com) - nonché sul sito di Borsa Italiana S.p.A. (www.borsaitaliana.it) e sul meccanismo di stoccaggio autorizzato www.emarketstorage.com, oltre che presso la sede legale di Trieste, Via Machiavelli 4 e presso gli uffici operativi di Milano, Direzione Affari Societari e Rapporti con le Authorities, Piazza Tre Torri 1 - il progetto comune di fusione approvato dai rispettivi organi amministrativi delle società partecipanti alla fusione, nonché l’ulteriore documentazione prevista ai sensi di legge, ivi incluse le situazioni patrimoniali e i bilanci degli ultimi tre esercizi delle società partecipanti alla fusione, con le relative relazioni. Analoghe modalità di pubblicazione, in quanto applicabili, sono state adottate dalle società incorporande. Dalla data odierna, decorrono pertanto i termini di legge di cui all’art. 2501-ter, ultimo comma, del codice civile.

Inoltre, anche ai sensi dell’art. 84 del regolamento adottato con delibera Consob n. 11971/99 (cd. Regolamento Emittenti), la Società precisa che la fusione sarà sottoposta all’approvazione del proprio Consiglio di Amministrazione ai sensi dell’art. 2505 comma 2 del codice civile e in conformità all’art. 18 del vigente Statuto sociale della medesima, fatta salva la possibilità - ai sensi dell’art. 2505 comma 3 del codice civile - per i Soci di Banca Generali S.p.A. che rappresentino almeno il cinque per cento del capitale sociale di richiedere, entro otto giorni dalla data odierna, che la fusione sia approvata da parte della Società con deliberazione dell’Assemblea dei Soci ai sensi dell’art. 2502 comma 1 del codice civile.

Scopri il nostro Press Kit

Il nostro Press Kit con tutti gli strumenti di informazione dedicati alla stampa.