Cosa offriamo

La valorizzazione delle differenze, le politiche di inclusione, le pari opportunità riconosciute nei percorsi di crescita e sviluppo, sono parte dei principi su cui si fonda la politica di Diversity & Inclusion che promuoviamo al nostro interno

Entrare a far parte del team di Banca Generali significa intraprendere un percorso di costante crescita sia a livello umano che professionale. I nostri dipendenti sono coinvolti in programmi mirati per la valorizzazione del talento attraverso lo sviluppo di conoscenze e competenze nell’ambito di incontri formativi e attività di project management.

A questi programmi si affiancano iniziative di alta formazione (es. corsi di approfondimento presso prestigiosi enti di formazione, programmi di coaching e di mentoring), mobilità nazionale e internazionale, eventi culturali, sportivi ed esperienziali organizzati dalla banca, volti a motivare e trattenere e sviluppare i nostri migliori talenti.

Affianchiamo la crescita personale a quella professionale offrendo benefit e sistemi di incentivazione finalizzati sia a migliorare la qualità della vita delle nostre persone sia a valorizzare, su base meritocratica, performance e raggiungimento di obiettivi specifici.

Organizziamo inoltre specifici programmi di formazione per i neoassunti, orientati sia a favorire l’integrazione in azienda che la conoscenza del business aziendale.

Politiche per i dipendenti

 

 

In stretto collegamento con gli indirizzi e con le metodiche implementate nel Gruppo Generali, adottiamo politiche che pongono le risorse umane al centro delle attività aziendali.

Il personale viene assunto con regolare contratto di lavoro, non essendo tollerata alcuna forma di lavoro irregolare, di sfruttamento, di lavoro forzato o minorile. Alla costituzione e nel corso dello svolgimento del rapporto di lavoro, i collaboratori ricevono chiare e specifiche informazioni sugli aspetti normativi e retributivi.

La Carta Sociale Europea del Gruppo Generali, adottata anche da Banca Generali, ribadisce il riconoscimento dei diritti fondamentali dei lavoratori, fissando gli obiettivi di sviluppo delle tematiche relative alla tutela delle risorse umane e delle rappresentanze dei lavoratori del Gruppo.

Inoltre abbiamo adottato – in linea con quanto avviene nel sistema bancario e recependo il codice di autodisciplina promosso dall’Associazione Bancaria Italiana – un proprio Codice Interno di Comportamento. Tale documento prevede anche che i rapporti tra colleghi e collaboratori avvengano sempre nel rispetto dei princìpi di lealtà, correttezza e solidarietà.

 

Pari opportunità

 

Diversity & Inclusion sono due elementi fondamentali della nostra cultura aziendale e della nostra strategia. Per Banca Generali diversità è comprendere, riconoscere e valorizzare le differenze e l’individualità di ciascuna persona; inclusione è l’impegno ad attrarre e sviluppare il talento di tutti, promuovendo un ambiente inclusivo e incoraggiando lo sviluppo di una cultura e di un’identità di Gruppo.

La gestione della diversità in azienda è, per il successo dell’azienda stessa, una necessità imprescindibile in un mondo sempre più complesso, globalizzato, interconnesso.

A favore dello sviluppo di una cultura di Diversity&Inclusion, abbiamo costruito percorsi formativi e policy aziendali per promuovere questi temi, per incoraggiare una cultura inclusiva che supporti le nostre persone ad esprimere il proprio potenziale, ciascuna con la propria esperienza e la propria forza culturale a prescindere dalle dimensioni in cui si declina la diversità.

Per quanto riguarda le pari opportunità per i diversamente abili, vengono rispettate e attuate le normative nazionali che tutelano tale categoria. A partire dal 2018 è stata allargata la partecipazione anche ai Diversity Day, giornate di incontro tra il mondo del lavoro e persone diversamente abili organizzate da alcune università in collaborazione con società specializzate del settore diversity.

A fine 2019 il numero delle donne impiegate all’interno di Banca Generali era pari al 49% del totale dei dipendenti.

Formazione e sviluppo del Capitale Umano

La formazione gioca sempre più un ruolo fondamentale di sostegno al Management e a tutta la popolazione: attraverso la creazione di percorsi di sviluppo delle competenze manageriali e tecnico-professionali si lavora insieme per dare valore alle Persone, sviluppando le competenze supportando i talenti di ciascuno, incrementando il know-how del capitale umano, rafforzando la cultura dell’innovazione, affinché ciascuno possa ricoprire al meglio il proprio ruolo.

Vengono sviluppati percorsi dedicati alle diverse famiglie professionali presenti in Banca, appositamente studiati per le specificità del business del private banking, per la negoziazione, per la gestione di portafoglio, con un’attenzione agli aspetti normativi che guidano queste tematiche.

Lo sguardo all’internazionalizzazione, l’ampliamento dei prodotti alla clientela, un servizio di consulenza d’eccellenza necessitano di comportamenti manageriali che si possano esprimere quotidianamente secondo valori condivisi e radicati, di una competenza tecnica elevata e di un know-how specialistico, per continuare a garantire il servizio di alta qualità che ci caratterizza.

Dal 2019, tutta la popolazione del Gruppo Banca Generali può fruire di un catalogo di Formazione e Sviluppo dedicato, il “Development Linked to Performance”. Il catalogo racchiude gran parte delle attività di formazione e sviluppo realizzate annualmente suddivise per area tematica:

  • Leadership/Managerial: Per accompagnare le Persone nei rilevanti cambiamenti strategici e costruire uno stile manageriale unico
  • Technical Business,/Technical Non Business: Per continuare a garantire una Leadership tecnica diffusa all’interno dell’organizzazione e competitiva nel mercato
  • Regulatory/Safety: Per rendere la Banca sostenibile sul lungo periodo e tutelare i Dipendenti e l’Organizzazione

Tante sono le attività che annualmente coinvolgono le nostre Persone, non solo in un’ottica di sviluppo delle competenze, ma anche di engagement, favorendo un ambiente di lavoro positivo, creando maggior affiatamento nei team, facilitando relazioni di fiducia all’interno dell’Organizzazione e stimolando una crescente motivazione nei dipendenti.

Il processo di Valutazione della Performance:

La solidità del successo di un’Azienda si basa sulla costante valorizzazione delle Persone che la compongono. Il Gruppo Banca Generali vanta una lunga esperienza in termini di Performance Management, da sempre elemento cardine del rapporto di fiducia tra i collaboratori e i loro responsabili.

Nel 2019 il processo è stato rivisto e innovato in termini di logiche, approccio e strumenti: è stato pertanto introdotto il nuovo processo Group Performance Management (GPM), sempre più orientato alla definizione di obiettivi individuali, allo sviluppo delle competenze e al feedback continuo.

Il GPM ha l’obiettivo di coinvolgere e motivare tutti i dipendenti del Gruppo Banca Generali verso il raggiungimento di risultati importanti, promuovendo uno sviluppo professionale continuo e una cultura della performance eccellente. Attraverso questo processo il Gruppo Banca Generali definisce, osserva e restituisce un feedback sul contributo di ciascun dipendente in termini di risultati e comportamenti. L'iniziativa, inoltre, ha l'obiettivo di garantire che tutti i dipendenti ricevano un feedback strutturato sulle performance e possano costruire un piano di sviluppo professionale individuale attraverso un dialogo trasparente e aperto.

 

Ore di formazione erogate dal 2017 ad oggi

2017
21.451 ore
2018
39.182 ore
2019
48.255 ore

Nel 2019 la media delle ore di formazione annua per ciascun dipendente è di 54 ore; anche questo caso possiamo rilevare la crescita del dato rispetto al 2018 in cui la media delle ore di formazione annua per dipendente era 45).

Smart working

La crescente attenzione ai temi del worklife balance è stata confermata nel 2019, da un lato dall’estensione dello Smartworking (partito in fase pilot nel 2018), andando a coprire anche la sede di Trieste e coinvolgendo il 51% della popolazione eligible, e dall’altro dall’aver posizionato le basi per un cambio di paradigma in materia di Welfare.

Inoltre, grazie alle innovazioni di processo gestite nel corso dell’anno, principalmente focalizzate su digitalizzazione e dematerializzazione, il numero delle attività gestibili a distanza sono cresciute sensibilmente e conseguentemente è stata allargata la possibilità di lavorare da casa anche ad altri colleghi: gli smart workers nel 2019 sono infatti aumentati di 185 unità, portando il numero complessivo a fine 2019 a 265 dipendenti (di cui il 54% donne), sulla sede di Milano e su quella di Trieste.

Questa modalità di collaborazione a distanza è stata accolta con molto entusiasmo da tutta la popolazione aziendale che è stata coinvolta nel progetto: si è infatti registrata un’adesione media nel 2019 complessiva del 51% dei possibili aderenti che hanno effettuato 4.715 giornate di smart working. Di queste, il 58% è stato effettuato da donne. Il maggior numero di giornate è stato fatto da personale rientrante nella fascia di età compresa fra 30 e 50 anni.

Dati relativi all'anno 2019
4715
Giornate di Smart working
51%
Adesione media dei Dipendenti
60%
Le Donne aderenti all'iniziativa
30-50
La fascia di età media

Scopri le nostre Mission e Vision

Vogliamo essere la prima Banca private unica per valore del servizio, innovazione e sostenibilità: persone di fiducia, al tuo fianco nel tempo per costruire e prendersi cura dei tuoi progetti di vita.