Le nostre persone

Diamo valore alle persone, promuoviamo la diversity e investiamo per favorire l'apprendimento costante e la crescita professionale creando un ambiente di lavoro trasparente, collaborativo e accessibile a tutti.

Le nostre Persone

Le Persone sono uno degli elementi cardine a cui il Gruppo bancario affida il raggiungimento dei suoi obiettivi strategici.

Per questa ragione, anche nel 2019 si è posta particolare attenzione agli investimenti fatti nello sviluppo, nella crescita e nella gestione delle risorse, attraverso la diffusione di una cultura aziendale basata su valori condivisi, sulla valorizzazione della diversità e dell’inclusione.

Per poter realizzare tutto ciò, in coordinamento con il Gruppo Generali, nel Febbraio del 2019 è stata lanciata una nuova People Strategy che tiene conto della mission e dei valori della Banca, del nuovo Piano Strategico, volto alla crescita e allo sviluppo sostenibile, e dell’organizzazione della Banca, mantenendo sempre come fine ultimo l’intento di creare valore nel tempo per tutti i diversi interlocutori e di far crescere il Capitale Umano.

I quattro pilastri che compongono la People Strategy (Cultura; Sviluppo di Nuove Competenze; Leadership e Talenti; Organizzazione) rappresentano anche le sfide che Banca Generali ha intrapreso e intraprenderà nei prossimi anni per una crescita sostenibile.

A fine 2019, Banca Generali contava 950 dipendenti di cui il 49% donne. Il 97% dei dipendenti del Gruppo bancario è impiegato sul territorio italiano. Il restante 3% è impiegato in Lussemburgo.

Scopri di più sulla nostra People Strategy

Diffondere i valori dell'inclusività, della diversity e dell'attenzione al cliente

Sviluppare nuove competenze per affrontare le sfide di mercato e le esigenze dei nostri clienti

Rafforzare le competenze manageriali per garantire la crescita sostenibile della Banca

Semplificare i processi e identificare nuovi modelli di lavoro.

Valorizzare il talento e le performance dei nostri dipendenti.

La rete distributiva

Qualità ed efficienza della rete di vendita determinano il livello di soddisfazione dei clienti.

Operando in un settore dove la reputazione è l’asset più prezioso, il ruolo dei consulenti finanziari è molto delicato.
Massima attenzione viene dedicata al profilo umano e professionale di questi professionisti che sono al servizio della clientela Private.

Al di là delle più moderne tecnologie, il rapporto consulenziale è il cuore della prestazione offerta da Banca Generali per rispondere a istanze sempre più complesse che richiedono soluzioni personalizzate.
Per questi motivi, viene dedicata una particolare attenzione alla selezione dei consulenti e alla loro formazione e crescita professionale.

Formazione

La formazione delle risorse interne

Banca Generali considera la formazione dei dipendenti una risorsa fondamentale per supportare il successo e la competitività dell’azienda, nel breve e nel lungo periodo.

La crescita personale e professionale, il miglioramento delle competenze, manageriali e tecniche, dei nostri collaboratori sono pilastri fondamentali per raggiungere gli obiettivi sfidanti del piano strategico.

La formazione si realizza in percorsi costanti e continui nel tempo, in linea con i bisogni e i talenti delle Persone per orientarle verso la responsabilità e la motivazione individuale, in linea con i valori dell’azienda.

Offrire una formazione di qualità, che sia in aula, a distanza attraverso la realizzazione di webinar o in e-learning, è la prerogativa per supportare lo sviluppo di tutti i dipendenti e rendere Banca Generali un player sempre autorevole nel mercato.

Scopri di più nella sezione dedicata alla Formazione

La formazione per la rete distributiva

A fine 2018 ha preso il via BG LAb, il canale unico digitale dedicato al mondo della formazione dove i consulenti finanziari trovano tutte le novità e i contenuti relativi al loro percorso formativo. BG LAb rappresenta lo strumento che consente di valorizzare l’approccio formativo continuo, basato sull’integrazione fisico/digitale che valorizza tutti i momenti formativi attraverso un ingaggio orientato all’apprendimento e all’auto apprendimento.

Pari opportunità

La valorizzazione delle persone, l’attenzione e l’impegno verso i collaboratori, il rispetto della dignità umana, della libertà, dell’uguaglianza, delle pari opportunità nel lavoro e nei percorsi di carriera, senza alcuna discriminazione, è ciò su cui basiamo il nostro successo.

Noi di Banca Generali siamo sempre attenti ai temi della Diversity&Inclusion, fattori di unione e dialogo all’interno dell’organizzazione: la gestione della diversità in azienda è, per il successo dell’azienda stessa, una necessità imprescindibile in un mondo sempre più complesso, globalizzato, interconnesso. 

A favore dello sviluppo di una cultura di Diversity&Inclusion, abbiamo costruito percorsi formativi e policy aziendali per promuovere questi temi, per incoraggiare una cultura inclusiva che supporti le nostre persone ad esprimere il proprio potenziale, ciascuna con la propria esperienza e la propria forza culturale a prescindere dalle dimensioni in cui si declina la diversità.

Per quanto riguarda le pari opportunità per i diversamente abili, vengono rispettate e attuate le normative nazionali che tutelano tale categoria, anche dal punto di vista logistico: gli edifici in cui hanno sede le società del Gruppo sono oggetto di costante verifica per la più puntuale messa a norma rispetto a vincoli architettonici e a postazioni di lavoro, e mettono a disposizione nelle immediate vicinanze parcheggi riservati ai disabili.

Quota delle assunzioni a tempo indeterminato
96,8% del totale dipendenti (950)
Età media dei dipendenti
44 anni
Presenza media delle donne nell'organico complessivo
circa il 50%
Tasso percentuale dei nuovi assunti pari al
11% (di cui il 43% donne)

Tutti i dati sono aggiornati al 31.12.2019

Relazioni Industriali e Sindacali

Nel Gruppo Banca Generali vengono osservati puntualmente i diritti e le libertà sindacali, sia per quanto riguarda le organizzazioni sindacali (aziendali e territoriali) sia per quanto riguarda i singoli dipendenti.

A fine 2019 il tasso di sindacalizzazione (dipendenti iscritti a sigle sindacali rispetto dipendenti totali perimetro Italia) era il 33%, rispetto al 36% riferito a fine 2018.

Al 94% dei dipendenti si applica la legislazione sociale nazionale (italiana) e le previsioni del CCNL Credito ovvero del CCNL Dirigenti Credito. L’unica eccezione riguarda i dipendenti di BG FML, Nextam LTD e di Valeur, a cui viene applicata la legislazione locale.

L’attività di relazioni sindacali avviene in linea con le disposizioni di legge e della contrattazione collettiva (ccnl Credito e Contratto integrativo aziendale/CIA).

In particolare, il sistema di relazioni sindacali si sviluppa tramite incontri sindacali sia di natura informativa, che di confronto che di trattativa vera e propria.

Tra le occasioni di confronto più rilevanti rientra il cd “incontro annuale” previsto dal ccnl Credito in cui Azienda e sindacati discutono su prospettive strategiche (andamento economico e di business, principali dati di bilancio, nuovi mercati/prodotti), sul profilo strutturale (dati sul totale dei dipendenti e principali dinamiche occupazionali/gestionali) e qualità delle risorse umane (dati/informazioni sui processi di valutazione delle prestazioni, sugli interventi di merito, sulla formazione erogata).

Altre occasioni di confronto riguardano le dinamiche relative ad operazioni societarie rilevanti (es fusioni, acquisizioni, riorganizzazioni rilevanti).

Per quanto riguarda gli incontri di trattativa vera e propria il principale tema è il contratto integrativo aziendale (CIA) per i dipendenti (impiegati e quadri) di Banca Geneali e Generfid (area Italia).

L’attuale CIA, vigente sino a giugno 2020 e tacitamente prorogabile sino al giugno successivo, contiene specifiche previsioni su importanti temi di welfare quali l’assistenza sanitaria, la previdenza complementare, l’indennizzo caso morte e invalidità totale e permanente, la copertura infortuni in attività lavotativa nonché disciplina alcuni aspetti organizzativi riguardanti l’orario di lavoro (part time per neo mamme, flessibilità orario di lavoro, permessi aggiuntivi per ragioni mediche/sanitarie).

Inoltre, sempre a livello di CIA, sono previste specifiche agevolazioni in tema di mutui prima casa, prestiti personali e condizioni di conto corrente (elasticità cassa).

Sempre nel contesto della trattativa a livello aziendale, viene specificamente disciplinato anche lo smart working.

Trattandosi di contrattazione collettiva, ne sono destinatari tutti i dipendenti delle categorie impiegati e quadri direttivi. L’unica eccezione riguarda il personale con contratto a termine per il quale non sono previste le agevolazioni in materie di mutuo casa e prestiti personali.

Inoltre, in attuazione del CCNL, si è proceduto a promuovere la Fondazione Prosolidar, attiva nel campo dei progetti di solidarietà a livello internazionale. Per quanto riguarda il 2019, circa 601 dipendenti hanno aderito versando il contributo previsto cui è seguito il contributo aziendale in pari misura.

Scopri i nostri fornitori

Nel corso del 2018, abbiamo lavorato con 1.529 fornitori per un fatturato complessivo di 100,2 milioni di euro.