Cosa sono le azioni?
31 maggio 2022#Private Banking

Cosa sono le azioni?

Tra i diversi strumenti utili per operare sui mercati finanziari ci sono le azioni.

Scopriamo insieme di cosa si parla!

Le azioni sono uno degli strumento di partecipazione alla proprietà di una società. In particolare, un’azione rappresenta la quota minima in cui è diviso il capitale di una particolare tipologia di società (dette “società per azioni”) e pertanto rappresentano una porzione del capitale di una società che consente agli investitori di diventare proprietari di una parte della stessa.

Attraverso l’acquisto di una sola azione si diventa proprietari della società, anche se per una frazione molto piccola. In questo modo si entra a far parte del capitale sociale dell’azienda e si acquistano determinati diritti economico finanziari, come la possibilità di percepire dividendi se decisi dal management, e diritti amministrativi, per esempio esercitare il diritto di voto nelle varie assemblee riservate ai soci, influendo così sulle decisioni della società.

Perché acquistare azioni?

Acquistare azioni può essere un modo per investire sui mercati finanziari i propri risparmi in uno strumento il cui rendimento è variabile in base ai risultati dell’azienda.

Le azioni offrono all’investitore l’opportunità di prendere decisioni di investimento in linea con le proprie strategie o seconda la propria tolleranza al rischio.

Le diverse tipologie di azioni

Le azioni sono titoli di credito, cioè strumenti che incorporano un diritto che può essere trasferito ad altro soggetto.

Le azioni ordinarie conferiscono ai titolari uguali diritti, tra cui quello di voto nelle assemblee dei soci. A queste però si aggiungono altre categorie di azioni come:

  • azioni privilegiate: attribuiscono particolari privilegi (ulteriori rendimenti in sede di assegnazione dei dividendi o diritto di prelazione nel riparto del patrimonio in caso di liquidazione) ma limitano il diritto di voto alle sole assemblee straordinarie;
  • azioni di risparmio: conferiscono determinati vantaggi economici (nella ripartizione di utili e nel rimborso del capitale) ma impediscono partecipazione e voto nelle assemblee della società. Per legge sono le uniche azioni che possono essere "al portatore";
  • azioni di godimento: non attribuiscono diritto al voto nelle assemblee ma consentono di concorrere alla ripartizione degli utili che residuano dopo il pagamento alle azioni ordinarie;
  • azioni con voto maggiorato e plurimo: a parità di valore nominale rispetto alle altre azioni emesse dalla medesima società, conferiscono un maggior numero di voti in sede assembleare.

Le azioni possono inoltre essere:

  • quotate: la negoziazione (acquisto e vendita) dei titoli avviene nel mercato finanziario;
  • non quotate: la negoziazione avviene di solito direttamente con accordi privati tra gli azionisti e questo può renderne più complicati l'acquisto e la vendita.

Mercato Primario e Secondario

Il mercato azionario (che prende il nome di Borsa) ha il principale scopo di mettere in contatto la domanda di capitali, rappresentata dalle società che devono finanziarie la propria attività, e l’offerta di capitali, data dagli investitori che vogliono impiegare i loro risparmi.

Le azioni di una società possono essere comprate sia sul mercato primario che secondario:

  • Per mercato primario si intende quel mercato in cui un titolo azionario viene offerto per la prima volta attraverso un’offerta pubblica iniziale (IPO). Attraverso questa procedura la società in questione è ammessa alla quotazione al mercato regolamentato.
  • Per mercato secondario invece si intende il luogo in cui i titoli sono già liberi di circolare e di essere scambiati tra gli investitori. L’incontro della domanda e dell’offerta determina anche l’andamento del prezzo di un titolo nel tempo: se c’è tanta domanda, e quindi tanto interesse da parte degli investitori, il prezzo sale, altrimenti in caso di un eccesso di offerta, scende.

Condividi